HOME  >  PRODOTTI >  CALDAIE - A PELLETS o BIOMASSA
Le caldaie a biomasse legnose rappresentano il futuro del riscaldamento a legna. Ciò sia nell'ottica ecologica sia in quella economica.
Le caldaie a pellet possono sostituire tutte le vecchie caldaie alimentate a gasolio, gpl, denso (nafta) carbone, legna.
Tutte le caldaie a pellet si adattano perfettamente agli impianti esistenti, termosifoni, ventilconvettori, radianti a pavimento, piscine, ma si possono installare in strutture nuove dove si vuole risparmiare denaro avendo il calore del fuoco di legna ma con emissioni zero di inquinanti e polveri sottili, risparmiando il 42% rispetto al metano, il 68% sul GPL, e il 60% sul gasolio.
Con le caldaie a pellet e' conveniente acquistare il pellet sfuso che viene portato a casa con autocisterne (come quelle del gasolio) e insufflato nell'accumulo.

Il pellet sfuso non è soggetto agli aumenti indiscriminati di pochi commercianti perché chi commercia il pellet sfuso lo fa in grandi quantità.

La Trecca Gas è in grado di realizzare soluzioni che vanno dalla semplice stufa a pellets per il riscaldamento ad aria fino ad impianti con caldaie a pellets integrati con pannelli solari per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria di interi edifici o strutture industriali.
Le soluzione a pellet proposte da Trecca Gas sono marchiate OkoFEN e PASQUALICCHIO.
Sia la soluzioe OkoFen, azienda pioniera e leader sul mercato del riscaldamento a pellet, sia la soluzione della storica azienda italiana PASQUALICCHIO è costituita da caldaie modulanti che adattano la potenza del focolare alla reale necessità di energia, esattamente come le caldaie a gas.
Tutte le caldaie da noi trattate rientrano tra quelle che possono beneficiare della detrazione del 55% sul totale delle opere conformi alla classe 3 di cui alla normativa europea 303-5.

COSA SONO I PELLETS?

Il pellet viene ricavato da scarti di legno naturale (segatura e trucioli) che una volta scaldati ad alta temperatura si legano fra di loro dando origine alla tipica forma cilindrica. Non occorre alcun tipo di collante artificiale in quanto la lignina in esso contenuta ne garantisce la compattezza. Il valore energetico di 6 metri cubi di pellets corrisponde a quello di 2.000 litri di gasolio.
Il pellet è quindi un combustibile ecologico che oltre a contribuire alla diminuzione dell'effetto serra, offre al cliente un eccellente comfort grazie al suo elevato rendimento termico ed alla piacevole diffusione del calore in tutta la casa.

PERCHE’ SCEGLIERE IL PELLET?

  • Rispetto ad altri combustibili, con il pellet si può ottenere una resa superiore al 90%.
  • Ha un contenuto di umidità inferiore all'8%.
  • Non gela in inverno.
  • Non contiene corteccia o altre impurità.
  • Ha un peso specifico molto elevato che ne permette un facile stoccaggio e una notevole autonomia con circa il 20% meno di volume rispetto alla stessa quantità di legna.

Alcuni buoni motivi per passare
a sistemi di riscaldamento a pellet o biomassa:

  • Elevata affidabilità e comfort dei sistemi a biomassa grazie alla tecnologia più recente ed alle soluzioni impiantistiche avanzate (estrazione automatica delle ceneri, caricamento automatico di pellet e cippato e pulizia automatica degli scambiatori di calore, regolazione della potenza tramite telecomando, serbatoio di accumulo, integrazione con i pannelli solari).
  • Risparmi circa del 20 al 50 % rispetto ai sistemi tradizionali a metano e a gasolio.
  • Apporto nullo di CO2 nell’atmosfera: la quantità liberata con la combustione o con altri processi che ne scompongono la struttura è la stessa impiegata per la crescita della pianta, mentre i combustibili fossili, che rilasciano in tempi brevi quantità fissate in milioni di anni, hanno determinato un incremento notevole della concentrazione di CO2 nell’atmosfera.
  • Emissioni in atmosfera a basso contenuto di zolfo e di altri inquinanti (riduzione delle piogge acide).
  • L'utilizzo di combustibili come il pellet, il cippato (macinato di legno), la legna, la sansa, noccioli di pesca ecc. contribuisce a diminuire la dipendenza da fonti energetiche non rinnovabili come il petrolio, il gas e il carbone.
  • Trasporti di tali combustibili sono in genere brevi per la vicinanza fra la sede di raccolta e i luoghi di utilizzo.
  • Incremento occupazionale, dalla raccolta e lavorazione e distribuzione e vendita del combustibile, all'installazione di nuove caldaie a pellet, cippato e legna.
  • Miglioramento e valorizzazione delle risorse forestali locali e degli scarti agroindustriali e dell'industria della lavorazione del legno.
  • Indirettamente contribuisce a limitare il numero dei grandi disastri ecologici, incidenti agli oleodotti, gasdotti, petroliere ecc (ricordiamoci il disastro ferroviario di Viareggio).
La vendita di pellet, cippato e biomassa in genere e la realizzazione di nuovi impianti produttivi è in costante crescita, questi dati fanno ben sperare e confermano da soli i vantaggi economico – ambientali.

Le caldaie a biomassa si possono suddividere in base al tipo di combustibile utilizzato in:
  • Caldaie a pellets
  • A cippato
  • A legna
Quelle a cippato sono più flessibili e possono funzionare anche a noccioli di pesca, sansa ed altri residui vegetali, secchi ed opportunamente lavorati; consigliamo le caldaie a cippato solo per grandi utenze che hanno buone possibilità di stoccaggio del materiale e che possono quindi ricevere carichi di materiale completi (min. 90 metri cubi) e ridurre quindi i costi logistici.

Come scegliere una caldaia a biomassa.

Sicuramente non soltanto in base al prezzo......
  • In genere i prodotti tedeschi ed austriaci hanno una maggiore esperienza nel settore, più garanzie sul prodotto e sul mantenimento delle emissioni in atmosfera entro i limiti.
  • Verificare a parità di potenza il peso della caldaia stessa, se gli scostamenti sono notevoli 150, 300 kg, con molta probabilità si è risparmiato sugli spessori delle lamiere e sui refrattari e quindi la durata della caldaia stessa è ridotta.
  • Presenza della sonda lambda, che permette di ottimizzare la combustione e di arrivare a rendimenti superiori al 90%.
  • Sconsigliamo le caldaie "onnivore" o quelle vendute come bruciatutto/inceneritori causa troppa manutenzione e scarsa reperibilità di gusci, sansa e cippato per piccole forniture, meglio in questo caso un'ottima caldaia a legna !!
  • Tiraggio forzato dei fumi.
  • Sistema della pulizia degli scambiatori di calore verticale e di facile impiego.